Cassia Angustifolia

Tetrasodium Glutamate Diacetate (GLDA)

1 Febbraio 2022

Il Tetrasodium Glutamate Diacetate (GLDA) è un agente chelante a base vegetale. È il corrispettivo dell’EDTA ma a differenza dell’EDTA, è estratto dal seme di una pianta indiana, la Cassia Angustifolia. La Cassia Angustifolia (angustifolia = foglia stretta) è originaria delle Arabie e della Somalia ed è coltivata in molte località dell’India.

Cos’è un chelante o sequestrante?

È una sostanza costituita da molecole che possiedono due o più atomi in grado di legarsi ad uno stesso atomo metallico formando complessi stabili. In cosmetica vengono spesso usati per ridurre o impedire le reazioni catalizzate dalle tracce o impurità metalliche presenti nelle formulazioni. Inoltre, aumentano in alcuni casi l’effetto del conservante ed in generale danno stabilità alla formulazione.

Il Tetrasodium Glutamate Diacetate (GLDA) è un chelante di elevata purezza, versatile e facilmente biodegradabile a base di acido L-glutammico, una materia prima naturale e rinnovabile.

Il GLDA si presenta in forma liquida, con una colorazione trasparente. È bio-compatibile e bio-degradabile.

Dal momento che non viene facilmente assorbito dalla pelle, non la irrita ne sensibilizza.

L’utilizzo di GLDA è approvato nella formulazione di cosmetici Bio Naturali.

Differenze tra GLDA ed EDTA

Demonizzare l’EDTA sarebbe un errore, ma va detto che alcune sostanze comunemente utilizzate nella cosmetica possono, ad oggi, essere sostituite con alternative più eco-compatibili. E’ questo il caso dell’EDTA che è da sempre usato come chelante, soprattutto nei prodotti a risciacquo come shampoo o detersivi, perché svolge anche un’azione detergente intrinseca. Studi però dimostrano che la sua azione sequestrante dei metalli è, soprattutto riguardo all’ecosistema marino, molto inquinante perché permette una maggiore dispersione dei metalli pesanti nelle acque del mare, soprattutto se utilizzato in detersivi di uso quotidiano. Nei cosmetici skincare, l’uso degli EDTA ha sicuramente un impatto ambientale inferiore soprattutto per la loro natura leave-on (non si sciacquano via). Utilizzare però anche in questo caso della alternative più eco-compatibili, come ad esempio il GLDA, vuole essere un supporto per le future generazioni a non sottovalutare nessun aspetto legato all’ambiente.

Per maggiori informazioni, potete leggere l’interessante report sul sito ECOBIOCONTROL che fa un confronto tra EDTA e GLDA in termini di impatto ambientale.

Va infine tenuto presente che il GLDA non è un sensibilizzante cutaneo ed è quindi meno aggressivo anche sulla pelle.

Per questo Gen-Hyal sceglie di non utilizzare EDTA in nessuno dei suoi prodotti, preferendo piuttosto soluzioni più Green.

Sicuri per la tua pelle

Dermatologicamente testati! I sieri Gen-Hyal sono tutti testati con Patch Test per PELLI SENSIBILI

Hai un codice sconto?

Puoi inserirlo dalla pagina del checkout e si attiva automaticamente!